Termini per le impugnazioni

Il termine per proporre l’appello, la revocazione e l’opposizione di terzo di cui all’articolo 404, secondo comma, è di 30 giorni. È anche di trenta giorni il termine per proporre la revocazione e l’opposizione di terzo sopra menzionata contro la sentenza delle corti di appello.
Il termine per proporre il ricorso per cassazione è di giorni sessanta.
” (Art. 325 c.p.c.)

L’art. 325 c.p.c. disciplina i c.d. termini brevi di impugnazione, che decorrono dalla data di notifica della sentenza da impugnare.

In generale, i termini per le impugnazioni rispondono ad una esigenza di certezza e di economia processuale poiché circoscrivono nel tempo la facoltà data alla parte soccombente di non accettare la sentenza.

I termini per proporre impugnazione sono tutti perentori e perciò improrogabili: la loro decadenza può essere rilevata anche d’ufficio dal giudice.

I termini entro cui proporre impugnazione rappresentano la tecnica di cui l’ordinamento si serve per condizionare il passaggio in giudicato della sentenza: se i termini decorrono senza che sia stata proposta l’impugnazione, si verifica la decadenza dall’impugnazione stessa, il cui effetto è il passaggio in giudicato della sentenza.

Chiedi un parere per l’appello.

Rispondi

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desidera ci può esporre gratuitamente il Suo caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci può scrivere:
- il Suo nome;
- la Sua città di residenza (se diversa da Bergamo);
- il tipo di questione per cui ci contatta (ad es.: separazione, eredità, condominio, sfratto, contrattualistica, recupero crediti, diritto societario, sanzioni e tributi, ecc...).