Spese mediche per il figlio minore

Il richiedente riferiva che la ex moglie aveva speso 5.000 Euro per visite dentistiche per il figlio; chiedeva se dovesse pagarne la metà a titolo di spese straordinarie sebbene tale spesa fosse ingente in considerazione del suo stipendio.

La risposta

Per rispondere motivatamente al quesito è necessario esaminare il provvedimento del Tribunale.

Difatti se la condizione per il rimborso delle spese straordinarie è la mera documentazione delle stesse, ritengo che non vi sia modo per sottrarsi al pagamento.

Se, invece, è stabilito che le spese straordinarie siano previamente concordate vi potrebbe essere la possibilità di rifiutare il rimborso.

Tuttavia, prima di valutare tale opzione, è necessario valutare la necessarietà ed urgenza dell’intervento, la conformità al tenore di vita familiare ed alle esigenze del figlio.

Ove l’intervento fosse necessario e comunque commisurato al tenore di vita familiare, potrebbe comunque esservi l’obbligo di rimborso.

Rispondi

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desidera ci può esporre gratuitamente il Suo caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci può scrivere:
- il Suo nome;
- la Sua città di residenza (se diversa da Bergamo);
- il tipo di questione per cui ci contatta (ad es.: separazione, eredità, condominio, sfratto, contrattualistica, recupero crediti, diritto societario, sanzioni e tributi, ecc...).