Rifiuto del c.d. diritto di visita

La richiedente, divorziata con l’affidamento esclusivo del figlio minore, riferiva la volontà del figlio di non recarsi dagli assistenti sociali per incontrare il padre, sebbene ciò fosse previsto dalla sentenza di divorzio.

La stessa sottolineava come il padre del minore non si facesse sentire ne’ vedere da 5 anni e non provvedesse da 10 anni al mantenimento.

La risposta
In linea di massima non è plausibile obbligare il minore a vedere il padre, qualora il ragazzo abbia un’età ed una maturità tale da consentirgli di comprendere quello che sta facendo.

Tuttavia, sarebbe opportuno collaborare con i Servizi Sociali per un riavvicinamento alla figura paterna: il c.d. “diritto di visita” è stabilità nell’interesse sia del padre che del figlio.

Ovviamente ciò presuppone un intenzione di riavvicinamento da parte del padre.

Rispondi

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desidera ci può esporre gratuitamente il Suo caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci può scrivere:
- il Suo nome;
- la Sua città di residenza (se diversa da Bergamo);
- il tipo di questione per cui ci contatta (ad es.: separazione, eredità, condominio, sfratto, contrattualistica, recupero crediti, diritto societario, sanzioni e tributi, ecc...).