Sezione Speciale Separazione

Responsabilità professionale dell’Avvocato

Matteo Bertocchi DiMatteo Bertocchi

Responsabilità professionale dell’Avvocato

In ambito di responsabilità professionale dell’Avvocato per omesso svolgimento di un’attività da cui sarebbe potuto derivare un vantaggio personale o patrimoniale per il cliente, una recente pronuncia della Corte di Cassazione, l’ordinanza 21 gennaio 2020, n. 1169, rileva come la regola della “preponderanza dell’evidenza” o del “più probabile che non” si applichi all’accertamento del nesso di causalità fra omissione ed evento dannoso ed all’accertamento del nesso di causalità tra l’evento dannoso e le conseguenze del danno.dannose risarcibili.

Infatti, il predetto criterio va tenuto fermo anche nei casi di responsabilità professionale per condotta omissiva: il giudice, accertata l’omissione di un’attività invece dovuta in base alle regole della professione praticata, nonché l’esistenza di un danno che probabilmente ne è la conseguenza, può ritenere, in assenza di fattori alternativi, che tale omissione abbia avuto efficacia causale diretta nella determinazione del danno.

Info sull'autore

Matteo Bertocchi

Matteo Bertocchi administrator

Iscritto all’Ordine degli Avvocati di Bergamo dal 2009, fondatore dello Studio Legale Bertocchi e del progetto BERGAMO LEGAL. Mi occupo di diritto civile, con un focus sull’ambito commerciale ed immobiliare.

Rispondi