Mancato pagamento di un assegno

La richiedente riferiva di essere titolare di un’impresa artigiana, e di aver versato un assegno bancario poi ritornatole insoluto per mancanza di fondi da parte di un debitore dell’impresa.

La risposta

Il mancato pagamento di un credito nascente da contratto costituisce inadempimento, con tutte le conseguenze di legge.
Ai sensi dell’art. 1454 c.c., alla parte inadempiente, l’altra parte può intimare per iscritto di adempiere entro un congruo termine.

In difetto di spontaneo adempimento, si potrà agire in giudizio per la tutela dei diritti lesi.

Sull’assegno insoluto può essere levato il protesto, che consente di procedere direttamente con atto di precetto.

In alternativa è possibile richiedere un decreto ingiuntivo.

Rispondi

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desidera ci può esporre gratuitamente il Suo caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci può scrivere:
- il Suo nome;
- la Sua città di residenza (se diversa da Bergamo);
- il tipo di questione per cui ci contatta (ad es.: separazione, eredità, condominio, sfratto, contrattualistica, recupero crediti, diritto societario, sanzioni e tributi, ecc...).