Non riproponibilità d’appello dichiarato inammissibile o improcedibile

L’appello dichiarato inammissibile o improcedibile non può essere riproposto, anche se non è decorso il termine fissato dalla legge.” (Art. 358 cp.c.)

In base al c.d. principio di consumazione dell’impugnazione non è possibile riproporre un appello che sia stato dichiarato inammissibile o improcedibile.

La conseguenza della dichiarazione di inammissibilità e di improcedibilità dell’appello, anche qualora non sia ancora decorso il termine per impugnare, è il passaggio in giudicato della sentenza di primo grado.

Chiedi un parere per l’appello.

Rispondi

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desidera ci può esporre gratuitamente il Suo caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci può scrivere:
- il Suo nome;
- la Sua città di residenza (se diversa da Bergamo);
- il tipo di questione per cui ci contatta (ad es.: separazione, eredità, condominio, sfratto, contrattualistica, recupero crediti, diritto societario, sanzioni e tributi, ecc...).