Locazione turistica e residenza

Il richiedente riferiva di voler stipulare un contratto di locazione per finalità esclusivamente turistica e si chiedeva cosa potesse accadere laddove il conduttore, senza informare il locatore, chiedesse e ottenesse la residenza nel luogo ove era situato l’immobile locato.

La risposta

Il contratto di locazione rimane immune da vicende esterne non espressamente previste nel medesimo.

Pertanto un contratto stipulato per finalità turistica resterà tale anche se le “intenzioni” del conduttore sono (probabilmente) mutate.

Ovviamente, con l’accordo delle parti, risulta sempre possibile risolvere anticipatamente il contratto e porne in esser un altro ad uso abitativo.

Ove il conduttore non intenda restituire la cosa locata, risulta sempre possibile un azione giudiziaria per lo sfratto (per morosità ovvero finita locazione).

Rispondi

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desidera ci può esporre gratuitamente il Suo caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci può scrivere:
- il Suo nome;
- la Sua città di residenza (se diversa da Bergamo);
- il tipo di questione per cui ci contatta (ad es.: separazione, eredità, condominio, sfratto, contrattualistica, recupero crediti, diritto societario, sanzioni e tributi, ecc...).