Sezione Speciale Separazione

Il mancato esperimento della mediazione obbligatoria e preclusioni in appello

Daiana Chiappa DiDaiana Chiappa

Il mancato esperimento della mediazione obbligatoria e preclusioni in appello

Conformemente ai suoi precedenti giurisprudenziali (cfr. Cass. 13.11.2018, n. 29017; Cass. 30.10.2018 n. 27433; Cass. 13.04.2017, n. 9557; Cass. 2.02.2017, n. 2703) la Suprema Corte con la recente sentenza del 13 dicembre 2019, n. 32797, ha ribadito che “l’improcedibilità della domanda per mancato preventivo esperimento del tentativo di conciliazione deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza del giudizio di primo grado. In mancanza della tempestiva eccezione del convenuto, ove il giudice di primo grado non abbia provveduto al relativo rilievo d’ufficio, è, pertanto, precluso al giudice di appello rilevare l’improcedibilità della domanda.

Gli ermellini in accoglimento del ricorso hanno richiamato il disposto di cui all’art. 5 comma 1 bis, D.lgs. n. 28/2010, per cui “chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa a una controversia in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari, è tenuto, assistito dall’avvocato, preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione ai sensi del presente decreto ovvero i procedimenti previsti dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179 , e dai rispettivi regolamenti di attuazione ovvero il procedimento istituito in attuazione dell’articolo 128-bis del testo unico delle leggi in 4 materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, ovvero il procedimento istituito in attuazione dell’articolo 187-ter del Codice delle assicurazioni private di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, per le materie ivi regolate. L’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale. A decorrere dall’anno 2018, il Ministro della giustizia riferisce annualmente alle Camere sugli effetti prodotti e sui risultati conseguiti dall’applicazione delle disposizioni del presente comma. L’improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza. Il giudice ove rilevi che la mediazione è già iniziata, ma non si è conclusa, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 6. Allo stesso modo provvede quando la mediazione non è stata esperita, assegnando contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione. Il presente comma non si applica alle azioni previste dagli articoli 37, 140 e 140-bis del codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modificazioni».

Come risulta evidente dalla disposizione, l’improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza del giudizio di primo grado.

Nello stadio d’appello è prevista solo una facoltà del giudice di creare la condizione di procedibilità alla luce di una valutazione discrezionale: infatti l’art. 5, comma 2 stabilisce che “il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti, può disporre l’esperimento del procedimento di mediazione; in tal caso, l’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale anche in sede di appello”.

Info sull'autore

Daiana Chiappa

Daiana Chiappa editor

Iscritta all’Ordine degli Avvocati di Bergamo dal 2015, co-fondatrice del progetto BERGAMO LEGAL e collaboratrice dello studio legale avv. Matteo Bertocchi. Mi occupo di diritto civile, con particolare attenzione e passione per il diritto di famiglia inteso in senso ampio, ovvero dalla trattazione di cause concernenti la crisi familiare, alle vertenze ereditarie e successorie, nonché alla trattazione e disamina delle controversie risarcitorie in campo assicurativo e del recupero credito.

Rispondi