Distanze degli alberi

Nel momento in cui sorgono controversie tra proprietari di fondi limitrofi in ordine alle distanze minime che devono separare gli alberi dal confine, in primo luogo è necessario consultare eventuali regolamenti comunali o locali.

Nel caso in cui nessun regolamento locale disciplini in merito, troverà applicazione l’art. 892 del Codice civile.

Tale norma prevede le seguenti distanze dal confine:

  • 3 metri per alberi di altro fusto (noci, castagni, querce, pini, cipressi, olmi, pioppi, platani e simili);
  • 1,5 metri per alberi non di alto fusto (il cui fusto, giunto ad altezza non superiore a 3 metri, si diffonde in rami);
  • 0,5 metri per le viti, gli arbusti, le siepi e le piante da frutto di altezza non maggiore di 2,5 metri;
  • 1 metro per siepi di ontano, castagno o piante simili;
  • 2 metri per siepi di robinie;

In ogni caso, le predette distanze minime non si debbono osservare se sul confine esiste un muro divisorio, a condizione che le piante siano tenute ad altezza non eccedente la somità del muro.

Rispondi

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desidera ci può esporre gratuitamente il Suo caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci può scrivere:
- il Suo nome;
- la Sua città di residenza (se diversa da Bergamo);
- il tipo di questione per cui ci contatta (ad es.: separazione, eredità, condominio, sfratto, contrattualistica, recupero crediti, diritto societario, sanzioni e tributi, ecc...).