Avviare lo sfratto per morosità

La Legge prevede che “in caso di mancato pagamento del canone di affitto” il locatore possa intimare lo sfratto al conduttore moroso.
Largamente accettato è il fatto che sia sufficiente la morosità di anche una sola mensilità per consentire al locatore di avviare lo sfratto.

Infatti “il mancato pagamento del canone decorsi venti giorni dalla scadenza prevista” costituisce motivo di risoluzione del contratto (art. 5 L. 392/78).

Sebbene la Legge sull’equo canone sia stata sostituita dalla L. 431/98, si ritiene che la previsione dell’art. 5, mai espressamente abrogato, sia applicabile per la valutazione della gravità dell’inadempimento in relazione al mancato pagamento del canone.

Una volta deciso di avviare la pratica di sfratto, a seconda dei casi, il locatore potrà decidere di:

  • diffidare l’inquilino al pagamento e/o alla liberazione dell’immobile, confidando in uno spontaneo adempimento;
  • oppure

  • intimare direttamente lo sfratto, chiedendone la convalida al Giudice e la contestuale emissione di decreto ingiuntivo di pagamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
1
Benvenuti su Bergamo Legal. Se lo desiderate ci potete esporre gratuitamente il Vostro caso tramite WhatsApp.
Nel caso, per agevolare il contatto, ci potete scrivere:
- il Vostro nome;
- la Vostra città di residenza;
- il tipo di questione per cui ci contattate.